top of page

Come riprendersi dalla fine di una relazione sentimentale come Persona Altamente Sensibile

Aggiornamento: 9 feb

Per le PAS, il costo emotivo per la rottura di una relazione sentimentale può essere simile al navigare in un mare in tempesta. Ecco come non annegare se il sistema nervoso non riesce a "riprendere la rotta"

fine di una relazione Persone altamente sensibili

La maggior parte delle persone è d'accordo: la fine di una relazione è difficile, soprattutto se si è una persona altamente sensibile (PAS). Il processo di chiusura di una relazione, anche se per le giuste ragioni, può sembrare impossibile da superare. Anche la ricerca scientifica ha riscontrato questa verità. Tra le coppie divorziate in Gran Bretagna, uno studio ha rilevato che lo stress precedente a una separazione e i sentimenti immediatamente successivi hanno la medesima intensità. I ricercatori hanno inoltre scoperto che, la salute mentale e la qualità di vita migliorano significativamente dopo il primo anno dalla separazione.

Nonostante il dolore tenda ad affievolirsi, un anno potrebbe sembrare un'eternità. Soprattutto per una PAS, dal momento che per natura questi soggetti sono più sensibili al dolore rispetto alla maggior parte delle persone. Per le PAS, infatti, il dolore relativo alla fine di una relazione sentimentale può sopraffare completamente il loro sistema nervoso con una tale intensità che può dar loro la sensazione di non potersi più riprendere.

Tuttavia come esperta in alta sensibilità, che ha aiutato molte persone a superare la fine di una relazione, posso affermare che esistono diversi modi per risollevarsi.


Ecco 5 modi per riprendersi dalla fine di una relazione in quanto PAS:


1. Cavalcare “l’onda della rottura” e trovare conforto nelle attività di auto-cura e rilassamento

Per le persone altamente sensibili, il costo emotivo per la fine di una relazione sentimentale può essere paragonato al navigare in un mare in tempesta dove, il sistema nervoso non riesce a "raddrizzarsi" e a riprendere la rotta. Le ricerche dimostrano che qualsiasi ricordo dell'ex può provocare risposte corporee, come nodi allo stomaco, battito cardiaco accelerato, senso di panico o sensazione di completo isolamento.

A tal fine, ulteriori ricerche hanno evidenziato che una separazione può effettivamente indebolire il sistema immunitario e innescare l’insorgenza di malattie. Il termine mal di cuore non è troppo lontano dalla verità e, per le PAS, l’esperienza di dolore è ancora maggiore. Esatto, le PAS possono sentire il dolore fisico più a lungo e più intensamente e lo stesso vale per il dolore emotivo.

Per guarire dal dolore al cuore, è importante adottare le giuste strategie per coccolarsi e ristabilire la calma interiore, come prendersi del tempo per riposare e trovando modi sani per metabolizzare ed elaborare il dolore. Secondo la psicoterapeuta specializzata in alta sensibilità, Julie Bjelland, le persone altamente sensibili possono trarre grande beneficio per il proprio sistema nervoso dedicando a se stesse ogni giorno due ore di tempo libero, in particolar modo se si sta affrontando il dolore per una separazione.

Infatti, il tempo trascorso in solitudine, si può rivelare un momento prezioso per riflettere su quanto appreso dalla fine della relazione, ma anche per lavorare sulla sensazione di perdita che l’esperienza potrebbe lasciare, e in quanto PAS la fine di una relazione può essere percepita come una perdita immensa.

 le giuste strategie per coccolarsi e ristabilire la calma interiore

Nei momenti in cui la sensazione di perdita diventa più intensa si potrebbe cadere nell’errore di cercare conforto nel proprio ex, soprattutto nei primi giorni dalla rottura, ma è bene non farlo, in quanto potrebbe rivelarsi dannoso per la propria guarigione.

Il pericolo potrebbe essere il ritorno ciclico di una relazione, che forse non era del tutto sana sin dall’inizio, oppure, potrebbe portare la PAS ad assorbire le emozioni negative dell’ex facendole proprie. Indubbiamente questo non aiuta affatto a definire la propria direzione. Anzi, si potrebbe rischiare di incorrere in una forma di dipendenza da cui risulterebbe difficile liberarsi.

Quindi, la cosa migliore da fare è concentrarsi su se stessi e sui propri interessi nel miglior modo possibile.

2. Siate aperti a ricevere il sostegno di altri, che si tratti di un amico intimo o di un professionista esperto.

Per alcune PAS può essere confortante isolarsi completamente dopo una rottura e mi rendo conto di aver suggerito di passare del tempo da soli, tuttavia bisognerebbe evitare di isolarsi completamente, rischio piuttosto comune per le persone sensibili. È, infatti, decisamente importante scegliere almeno una persona con la quale passare del tempo, che può senz’altro offrire un modo utile per elaborare la separazione, ma anche per accelerare il processo di superamento del dolore.

Trascorrere del tempo con persone che danno conforto, infatti, non solo serve a chiunque stia attraversando una separazione, ma lo è ancor di più per una PAS. A tal proposito una ricerca, condotta dal dottor Thomas Boyce, ha dimostrato quanto le PAS siano influenzate dai fattori di stress presenti nel loro ambiente e spesso con effetti particolarmente stressanti, sia che riguardino eventi positivi, che negativi, rispetto a alle persone non PAS, che per contro ne risultano decisamente meno condizionate.

Ecco dunque, perché per le PAS diventa necessario, per sopravvivere allo stress, avere buoni contatti fidati ed empatici. Ciò significa che di più persone positive si circonderanno, e più si impegneranno in attività che amano (come hobby, lavoro o altri interessi), prima si riprenderanno dal dolore della rottura.

Ulteriore elemento, per velocizzare ed aiutare l’elaborazione del distacco sentimentale sarebbe quello di cercare un bravo professionista della relazione di aiuto specializzato in alta sensibilità. Dunque, se non ne avete già uno di fiducia, cercatene uno perché potrà senz’altro aiutarvi a creare meccanismi di coping sani e a identificare gli schemi ricorrenti nelle vostre relazioni sentimentali. Ad esempio, tendenzialmente le PAS si innamorano di persone tossiche e un bravo esperto potrebbe aiutarvi a scoprirne il motivo.


3. L’importanza di interrompere le comunicazioni

Può essere difficile interrompere il desiderio di riavvicinamento verso l’ex (che sia diretto, oppure, attraverso la lettura di vecchi messaggi, e-mail o rimanendo collegati con lui/lei sui social media). Per questo motivo, è utile essere seguiti da un professionista quando si sta cercando di sostenere una rottura. Quanto più una persona si sente bene dopo aver preso le distanze dal suo ex, tanto meno è probabile che si senta dipendente dall'altra persona o dalla relazione fallita. In sostanza, più a lungo una PAS non ha contatti con l'ex, più si sentirà bene.

Praticare il "silenzio radio" è un passo importante per aiutare molte PAS a guarire il loro sistema nervoso dopo una rottura. Non entrare in contatto con l'ex consente l’attenuarsi dei modelli di pensiero ossessivi. Come riportato in "The Highly Sensitive Person's Guide to Dealing with Toxic People" di Shahida Arabi, M.A., una "ricompensa" intermittente, quale il vedere inaspettatamente un ex o sentirne parlare, crea un'ondata di sostanze chimiche di ricompensa nel cervello. Questo non significa che si tratti di una relazione da riallacciare, ma di una risposta naturale del sistema nervoso nel momento in cui si vede un ex, che per le PAS è ancora più intensa.

Nei momenti in cui la tentazione di riallacciare i rapporti diventa opprimente, può essere utile mettere in atto pratiche sane di autocura che rafforzino la gioia e il conforto per se stessi. Fare uso di queste pratiche è come "uscire con se stessi", possono rivelarsi efficaci per indirizzare l'amore e l'energia positiva verso l'interno.

Eccone alcune:

- Tecniche di radicamento, come le pratiche di respirazione, lo yoga e la meditazione;

- Riposo;

- Esercizio fisico;

- Scrivere (magari una lettera d'addio all'ex - che non invierete - o una lettera d'amore a voi stessi) o scrivere un diario sulle vostre emozioni;

- Disegno, pittura o altre forme d'arte e creatività;

- Uscire nella natura, che aiuta a ridurre la sovrastimolazione per le PAS;

- Fare volontariato;

- Rientrare in gruppi di cui magari facevate parte prima della rottura.


4. Quando il contatto con l’ex è obbligatorio a causa di figli, o di beni in comune, assicuratevi di definire dei limiti.

A volte ci sono casi in cui il “blocco delle comunicazioni” o l'interruzione dei rapporti con qualcuno non è un'opzione realizzabile, soprattutto nel caso in cui ci fossero figli o beni in comune. In queste circostanze, risulta ancora più necessario "inserire" nella propria vita relazioni positive, nuovi significati e scopi altrettanto positivi e significativi. In questo modo, potrete sperimentare salute e benessere emotivo.

Inoltre, sarà necessario stabilire con l’ex partner un contatto limitato, rispettando tutti i potenziali confini (ad esempio, comunicando solo via e-mail o sms se necessario), solo così si contribuirà ad aumentare il senso di sicurezza e di controllo personale. Mettere regole chiare e confini ben definiti per gestire il contatto con un ex è estremamente utile, anzi direi necessario, per il benessere del vostro sistema nervoso PAS.


5. Infine, concedetevi tempo e self-compassion

La cosa più importante da tenere in considerazione è che per dimenticare qualcuno ci vuole tempo, quindi abbiate molta compassione e amore per voi stessi. Considerando che, per le PAS è normale provare un dolore più intenso e più lungo a seguito della fine di una relazione sentimentale, questa presa di coscienza sarà un passo importante per la guarigione.

Quando una storia d’amore finisce, altrettanto importante per una PAS sarà riuscire ad eliminare l'autocritica, offrendo così maggior spazio alla crescita personale e alla saggezza. Potrebbe sembrare un’impresa incredibile, ma per gli altamente sensibili, grazie alla coscienziosità che li contraddistingue, può diventare una conseguenza naturale trarre insegnamento dall’esperienza per la propria evoluzione personale. Non bisogna tralasciare, inoltre, che la compassione, la pazienza e la ricerca di input positivi verso l'esterno sono un valido aiuto per rafforzare le capacità personali e raggiungere una nuova forza interiore e una ritrovata stabilità. E se amici e familiari dovessero suggerirvi di aprirvi a nuove storie sentimentali, solo voi saprete quando sarà il momento e non c'è affatto fretta.

(liberamente tratto da: highlysensitiverefuge)


Se senti il bisogno di approfondire, confrontarti o parlare su ciò che riguarda la tua situazione relazionale e sentimentale in quanto PAS contattami sarò felice di aiutarti.


ON LINE
oppure
DAL VIVO


Anna Maria Le Moli

22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page