6 segreti che consentono ad una persona altamente sensibile di riprendersi da un trauma

Passare attraverso un trauma personale può scuotere l'anima a tutti, ma per un PAS (persona altamente sensibile), diventa sconvolgente. Per qualcuno che è già più sensibile, sia agli stimoli sensoriali, che alle emozioni, la combinazione di un trauma fisico e uno emotivo può farti sentire come se fossi un pianeta lanciato fuori dal suo asse, che gira selvaggiamente fuori controllo.


Il risultato è che le PAS reagiscono al trauma in modo diverso, sia mentre sta accadendo che in seguito. Ciò significa che dobbiamo affrontarlo anche in modo diverso e dobbiamo sapere quali strategie possiamo usare che ci aiuteranno effettivamente a guarire come anime sensibili.

Ecco come è stata l'esperienza del trauma che ha cambiato la mia vita in quanto PAS e cosa ho imparato su come sopravvivere ad esso.

"Quando ho fissato quelle luci chirurgiche luminose e l'ambiente completamente bianco e metallico, ho capito che stavo per morire."


Passare attraverso il trauma come persona altamente sensibile

Per una persona altamente sensibile, l'esperienza stessa di un trauma può essere un sovraccarico sensoriale. Almeno lo è stato per me. Nel 2011, stavo uscendo dalla doccia quando ho sentito uno come se qualcosa scoppiasse all'interno del mio corpo, e poi un intenso dolore al bacino. Ho fatto del mio meglio per non farmi prendere dal panico, ripetendomi parole che i miei cari mi dicono da una vita: "Sei troppo drammatico" o "Stai esagerando" .Quando il dolore non è scomparso e ho avuto le vertigini, il surriscaldamento e la nausea, ho chiamato mio marito per portarmi in ospedale. Non mi importava più se ai suoi occhi stavo esagerando. Sapevo solo che avevo bisogno di aiuto.

Tra blackout, forti dolori ed esami pelvici lancinanti, poche ore dopo sono stata portata in sala operatoria. Ero incinta di sei settimane e la mia gravidanza era extrauterina. Purtroppo, una tuba di Falloppio si era rotta e l’emorragia si era riversata nella cavità dello stomaco. Non avevo mai provato un dolore così intenso prima.

Quando ho fissato le luci chirurgiche e l'ambiente completamente bianco e metallico, ho capito che stavo per morire. In effetti, soffrivo così tanto che l'ho implorato. L'ho accettato. In quel momento in cui sono stata completamente sopraffatta da tutto ciò che accade a me e intorno a me, non ho più avuto paura di morire – e per me questo stava dicendo qualcosa.

Quando mi sono svegliata dopo l'intervento, sorpresa di essere ancora viva, sapevo che avrei dovuto guarire dal dolore fisico e dalle ferite e che ci sarebbe voluto un po' di tempo. Ma non avevo idea dell'impatto emotivo che l'esperienza avrebbe avuto su di me (e lo fa ancora).

Ci è voluta circa una settimana prima che la perdita mi colpisse. Ho cominciato a rivivere mentalmente ogni momento di quell'esperienza. Rimasi seduta in preda all'orrore, fissando il muro, ricordando; cercando di capire come e perché mi era successo. Sono passati otto anni ormai e continuo a riviverlo nella mia testa. Non più tutti i giorni, ma ogni tanto mi abbandono al ricordo perché la memoria prende il sopravvento.

Sono guarita? Non del tutto. In effetti, il processo di guarigione emotiva è stato brutale, ma anche necessario. Ci sono modi per renderlo più delicato. Ecco cosa ho imparato lungo la strada, le cose che avrei voluto sapere otto anni fa.


6 segreti per riprendersi da un trauma come persona altamente sensibile:


1. Affliggersi per il proprio trauma non è solo naturale. È sano!

Il lutto per la mia perdita è una delle cose più difficili che ho dovuto fare nella mia vita. È disordinato e crudo e ci vuole quella che sembra un'eternità per vedere i progressi. Ma è essenziale. È più facile chiudersi emotivamente, che affrontare un traumatico cambiamento di vita, ma questo troverà sempre una via d'uscita e probabilmente non nel modo in cui avresti voluto.

A volte le persone ben intenzionate vogliono che tu stia meglio più velocemente, il che può farti sentire che non hai il diritto di continuare a piangere per quello che è successo. Come se fosse più facile tenersi tutto dentro per non disturbare gli altri, ma il dolore deve uscire allo scoperto. E anche se questo è vero per chiunque, come PAS, potremmo aver bisogno di più tempo per elaborarlo.


2. Tutti elaboriamo il trauma in modo diverso.

Mio marito non voleva parlare più e più volte di quello che era successo, ma l'ho fatto. È come se non avessi il controllo su me stesso e, giorno dopo giorno, tutto sarebbe uscito fuori nei momenti peggiori. Ero piena fino all'orlo di dolore e aveva bisogno di uscire.

Anni dopo, io e mio marito siamo andati in consulenza. Avevo sempre pensato che, poiché si rifiutava di parlarne, dovevo essere più avanti di lui nel processo di guarigione. Si è scoperto che mi sbagliavo. Il nostro terapeuta mi ha aiutato a capire che, poiché aveva già affrontato cose così difficili nella sua vita, era meglio attrezzato per guarire, elaborare e andare avanti di me. Sebbene sia stata la cosa peggiore che mi sia mai capitata in vita mia, non è stata la cosa peggiore che gli sia successa, e questo gli ha dato una prospettiva che non avevo ancora.

Nessuno dei nostri modi di gestire il trauma era sbagliato e nemmeno il modo in cui lo gestisci o il modo in cui lo fanno i tuoi cari.


3. imparare a selezionare le persone con cui decidi di parlare del tuo dolore.

Ho avuto molte persone che mi hanno contattato per conoscere ogni minimo dettaglio di quello che era successo. All'inizio li ho obbligati, anche estranei. In realtà mi sentivo in colpa se non condividevo, come se fosse il mio lavoro essere lì per loro.

Non ci è voluto molto per imparare che non tutti sono la persona giusta. Ci saranno sempre quelle persone che allungano il collo per vedere l'incidente, e quando l'incidente è la tua vita, è violento e invadente. Ho imparato a mie spese che alcune persone vogliono solo usare il trauma degli altri come foraggio per pettegolezzi oziosi in seguito - o per sentirsi virtuosi.

Se non ti senti a tuo agio con qualcuno e non ti fidi di lui, non devi dirgli niente. Potresti non avere il controllo delle cose terribili che ti sono successe, ma hai il controllo di chi inviti nella tua vita. Circondati di persone che ti amano e ti rispettano.


4. Il tempo non guarisce tutto, ma aiuta.

Dopo aver affrontato il mio trauma, non mi è mai piaciuta la vecchia idea che il tempo guarisca tutte le ferite. Avrò sempre cicatrici emotive dalla mia esperienza. Ma il tempo ti aiuta a prendere le distanze da esso e ti consente di sviluppare abilità per elaborarlo e affrontarlo meglio. Potresti non essere mai completamente guarito, ma concediti tutto il tempo di cui hai bisogno per tornare in un posto dove puoi trovare la gioia.

Anni dopo, sono ancora colpita da quello che è successo. Ha cambiato il modo in cui vedo gli altri e il modo in cui vivo la vita. I trigger sono ovunque; a volte riesco a superarli senza dar loro molto preavviso, e altre volte, sono di nuovo sopraffatta.

Ecco perché la guarigione è un processo. Per molte persone non esiste un traguardo. O se c'è, non ho ancora trovato il mio.


5. Ascolta il tuo corpo e il tuo cuore.

Mentre ero attivamente in lutto, tutto ciò che volevo fare era sdraiarmi al buio e sprecare la giornata. Certo, non potevo farlo perché avevo impegni quotidiani e un lavoro. Ma, in un certo senso, era quello che il mio corpo mi chiedeva.

Ho fatto del mio meglio per affrontare il lutto e guarire da sola. Dopo il mio intervento chirurgico, non volevo avere niente a che fare con l'elettronica o l'insensatezza che può prendere il sopravvento. Volevo solo concentrarmi sul mio dolore e tutto il resto era solo una distrazione da esso.

Nessuno vuole perdersi nel dolore che tutto consuma, ma è importante cercare di capire cosa ti stanno comunicando il tuo corpo e il tuo cuore. Va bene anche se per gli altri non ha senso, e anche se questo significa ritirarsi per un po', spesso si rivela il modo migliore per recuperare.


6. Chiedi aiuto se ne hai bisogno.

A volte tutto ciò di cui hai bisogno è un orecchio non giudicante che ti ascolti e di cui ti fidi. So che è difficile chiedere aiuto: è ancora una delle mie più grandi lotte quotidiane, ma a volte ne ho bisogno, e forse lo farai anche tu.

Chiedere aiuto quando ne hai bisogno non significa essere deboli. Non significa essere strani. Significa essere feriti e aver bisogno dell'amore e della guida di qualcuno di cui ci si fida. Significa essere umani!

Forse potrebbe non sembrarti così in questo momento, ma tu sei più del tuo trauma. Indubbiamente questo può essere divorante e opprimente, ma tu sei forte. Sopravviverai. Sarà un lungo viaggio, ma ci arriverai. Sii paziente con te stesso. Non sei solo come senti.

Fonte: highlysensitiverefuge - di Charlene Jjimenez


Se desideri ricevere un aiuto individuale

PRENOTA IL TUO PRIMO APPUNTAMENTO CON ME

ON LINE oppure DAL VIVO

49 visualizzazioni0 commenti